Al via la Presidenza ungherese dell'UE

Bruxelles – La presidenza dell’Unione europea da parte dell’Ungheria ha preso il via il primo gennaio. Tra le sue priorità, la Presidenza ungherese continuerà il lavoro avviato lo scorso anno da Spagna e Belgio, soffermandosi particolarmente su crescita e posti di lavoro, ricerca di una via d’uscita alla crisi economica che attanaglia l’Europa, cittadinanza UE e ampliamento dell’Unione.

Sono in programma discussioni sui meccanismi di stabilità previsti dal trattato di Lisbona e l’adozione di un nuovo meccanismo di regolamento finanziario attorno alla metà del 2011.

Il prossimo mese di aprile gli Stati membri presenteranno i programmi nazionali di convergenza e di riforma previsti dalla strategia crescita e occupazione.

La Presidenza lavorerà anche all’attuazione di decisioni su diverse iniziative faro nell’ambito di Europa 2020, e più in particolare sulla definizione di indicatori sull’occupazione e l’abbandono scolastico.

Altre aree di interesse saranno i dibattiti sulle nuove prospettive finanziarie e la revisione a medio termine dei fondi strutturali. Saranno presentate anche proposte sulla revisione delle reti transeuropee di trasporto e del pacchetto farmaceutico.

Nel settore cittadinanza, la Commissione europea sottoporrà la prima relazione sull’attuazione della Carta dei diritti fondamentali e vi sarà una comunicazione sui rom.

Se desiderate approfondire, scrivete al CND, sede.legale@aism.it

Dall’inviato CND in Europa, Maria Cristina Coccoluto